Vivere (e parcheggiare) in centro storico, aiuto! I vantaggi delle city car piccole

Vivere (e parcheggiare) in centro storico, aiuto! I vantaggi delle city car piccole

Vivere all’interno del centro storico di una cittadina è affascinante e stimolante. Ogni giorno, infatti, si ha la possibilità di stare a stretto contatto con monumenti, panorami e scorci paesaggistici di tutto rispetto, provocando l’invidia in chi, al contrario, vive in un appartamento in periferia. Tuttavia, non è tutto oro quello che luccica. Il centro storico presenta senz’altro dei vantaggi di natura visiva, ma il discorso relativo alla possibilità di entrare e parcheggiare all’interno delle aree in questione, a bordo della propria autovettura, è assai diverso. Per via della loro posizione strategica in aree di particolare interesse turistico, i parcheggi collocati nei pressi del centro storico sono spesso ridotti al lumicino, letteralmente presi d’assalto da turisti e residenti a causa dell’affluenza nelle vie principali della città. Ecco per quale motivo diviene fondamentale poter vantare il possesso di una comoda e pratica city car di piccole dimensioni, da utilizzare per guidare e parcheggiare nel centro storico in tutta comodità.

Caratteristiche generiche delle city car

Le city car vengono concepite appositamente dalle case di produzione per far fronte alle necessità dei residenti all’interno di un centro storico, o in spazi ad alta densità demografica, di guidare con praticità nelle aree più affollate della città. Anche note con il termine italiano “utilitarie“, le city car sono disegnate con linee semplici e forme essenziali, aspetti fondamentali per consentire ai guidatori di farsi largo tra le vie maggiormente frequentate di una cittadina. Oltre a ciò, le city car si contraddistinguono per un costo relativamente contenuto rispetto a vetture di cilindrata e classe superiore, senza trascurare la possibilità di andare incontro a tutta una serie di incentivi e sgravi fiscali a fronte dell’acquisto di mezzi elettrici o poco inquinanti. Ancor meglio se si acquistano auto di seconda mano (ecco per esempio una grande selezione di Fiat usate, auto perfette per la città). Ma analizziamo più nel dettaglio quali sono i reali vantaggi relativi all’acquisto e al conseguente utilizzo di una city car di piccole dimensioni, per poi passare all’elenco dei parametri da valutare prima di procedere con l’acquisto vero e proprio di uno di questi mezzi.

Vantaggi delle city car di piccole dimensioni

Dal punto di vista dell’acquisto e dell’utilizzo, le city car presentano diversi vantaggi legati non soltanto al prezzo della vettura, ma anche all’uso che se ne fa nei vari contesti per i quali la stessa è stata concepita. In primo luogo, un vantaggio sostanziale delle city car, è l’eccezionale maneggevolezza che sono in grado di offrire ai guidatori. Tale comodità deriva dalle forme più contenute e, dunque, dalla loro maggiore leggerezza e agilità rispetto a modelli come SUV o station wagon.
Un altro importante vantaggio riguarda un altro risparmio economico in termini di carburante. Essendo dotate di motori meno potenti, ma comunque prestanti per un utilizzo in città, le city car offrono consumi notevolmente ridotti rispetto a quelli relativi a un’auto di dimensioni e potenza maggiore.

Altro vantaggio di particolare rilevanza, legato all’uso di una city car, è il già citato aspetto inerente alla tipologia di motore in dotazione alla vettura. Non stiamo parlando di potenza, bensì della fonte di energia con la quale alimentare l’automobile. Gran parte delle city car moderne viene infatti prodotta in forma di modelli elettrici, particolarmente utili ai fini dell’elevata riduzione delle emissioni inquinanti e dal basso impatto ambientale. A tutto ciò si ricollega il discorso dei già citati incentivi fiscali derivanti dall’acquisto di una vettura di questo tipo: in base a leggi appositamente concepite in sede politica, gli acquirenti di una vettura a basse emissioni inquinanti sono in grado di avere degli sconti più o meno sostanziosi da detrarre dal costo totale del mezzo di trasporto.

Quali parametri valutare per l’acquisto di una city car

Sulla scia dell’elenco dei vantaggi legati all’uso di una city car, facciamo il punto della situazione a proposito dei parametri da valutare prima di effettuare l’acquisto di una di queste vetture. Il primo riguarda senza alcun dubbio l’economia delle soluzioni attualmente presenti sul mercato, con particolare riferimento sia al risparmio sul costo della vettura, sia sul costo per il mantenimento della stessa. Una vettura che consuma poco comporta una spesa ridotta, il che significa poter contare sulla possibilità di risparmiare una maggiore quantità di denaro.

Un secondo parametro da tenere sempre in considerazione prima di acquistare una city car è la dimensione della vettura. A seconda dell’area del centro storico nella quale si vive, il guidatore potrebbe avere la necessità di fare uso di un’automobile di dimensioni particolarmente ridotte, specie per circolare all’interno di piccoli viali o strade caratterizzate da una più elevata affluenza turistica.

Infine, un terzo parametro da non sottovalutare prima di acquistare una city car è la tipologia di motore in dote alla vettura. In alcuni centri storici le auto che montano di motori troppo non adeguati e notevolmente inquinanti, non hanno la possibilità di circolare, il che significa dover ricorrere a un mezzo di trasporto funzionante a fronte di basse emissioni.

Alcuni esempi di city car

Approfondendo ulteriormente la questione, si da un rapido sguardo sui modelli di city car più apprezzati dal grande pubblico.
Tra i più apprezzati impossibile non citare la Smart, la vettura ideale per guidare in contesti urbani di varia tipologia. Da prendere assolutamente in considerazione autovetture come la Opel Karl Rocks, crossover compatto, la piccola Volkswagen Up! e le Fiat Panda, in particolare la Panda Easy, pratica ed eccezionalmente versatile per l’uso in città.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *