Come funziona una mongolfiera pubblicitaria

Come funziona una mongolfiera pubblicitaria

Le mongolfiera, oltre che per viaggiare, vengono sempre più utilizzate anche per scopi pubblicitari durante eventi di varie tipologie quali presentazioni, fiere, mostre e similari.

Il loro successo in ambito pubblicitario è dovuto soprattutto al fatto che, posizionate in alto nel cielo, possono essere visibili da punti molto remoti fra loro e non solo da chi partecipa ad un determinato evento ma anche da chi si trova distante e non sta partecipando all’evento stesso.

Grazie ai costi piuttosto contenuti qualora si decida di noleggiarla (che permettono di avere un costo a contatto piuttosto basso) e all’elevato livello di personalizzazione a livello di colori e sponsorizzazioni, sono uno strumento molto efficace sia per il marketing locale ma anche per obiettivi di brand awareness. Per acquistare o noleggiare una mongolfiera pubblicitaria ci si può rivolgere ad aziende esperte quali ad esempio gonfiabili-pubblicitari.com che si occupa anche della personalizzazione delle stesse.

Un aspetto che non molti conoscono relativo alle mongolfiere è quelle tecnico, molto importante per capirne il funzionamento e altri elementi inerenti.

La mongolfiera fu inventata nel 1783 dai fratelli Montgolfier (da cui chiaramente deriva il termine) che furono i primi a far volare alcuni animali all’interno di un pallone gonfiato con aria calda; qualche mese più tardi il fisico francese De Rozier e il marchese Laurent furono le prime persone a volare con una mongolfiera sorvolando Parigi da un’altezza di 1000 metri per circa mezz’ora.

Il principio in base al quale le mongolfiere riescano ad andare in aria per trasportare persone o oggetti è dovuto all’aria calda che, essendo meno densa di quella presente nell’atmosfera, permette alla struttura di volare. La scoperta di questo principio (basato sul principio di Archimede) è dovuta ad Alessandro Volta.

Per quanto riguarda il numero di persone che possono volare su una mongolfiera, mediamente possono essere dalle 5 alle 15 se si parla di mongolfiere di dimensioni normali: chiaramente sono state realizzate anche mongolfiere di dimensioni maggiori (in questo caso si parla di palloni aerostatici) che vengono utilizzate per scopi turistici. Nelle mongolfiere utilizzate per scopi pubblicitari possono stare solitamente anche solo 1 o 2 persone (1 delle 2 deve essere il pilota).

L’altezza di una mongolfiera di dimensioni normali è solitamente di 25 metri e la circonferenza intorno ai 50-60 metri.

Per alimentare una mongolfiera inizialmente venivano utilizzati paglia e fieno che venivano bruciati nell’imboccatura dell’involucro; al giorno d’oggi invece vengono alimentate utilizzando propano in bombole che, tramite un bruciatore, provvede a riscaldare l’aria presente all’interno del pallone.

Le mongolfiere sono composte solitamente da un cesto di vimini e da un pallone che viene realizzato in “nomex”, che è un tessuto che viene utilizzato per capi di abbigliamento ignifughi: il tessuto chiaramente deve essere piuttosto resistente.

Per quanto riguarda i costi di una mongolfiera per uso privato o sportivo si sta intorno ai 50.000€ per un prodotto nuovo, anche attorno ai 15.000€ in caso di prodotto usato. Prima di procedere all’acquisto è sempre bene fare una selezione dei partner presenti nella zona, chiedere dei preventivi e vedere le realizzazioni fatte per altri clienti.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.