Gli avvocati possono eseguire indagini su aziende e privati?

Gli avvocati possono eseguire indagini su aziende e privati?

La disciplina giuridica sia civile che penale è molto ampia, ma possiamo affermare che sono diversi gli articoli, i commi e le cassazioni che consentono ad un avvocato di poter avviare delle indagini oppure di richiedere a magistrati e corte giudiziaria di avviarle, spesso coinvolgendo anche le forze dell’ordine nei casi più gravi.

visionindagini.it è il sito istituzionale di un team composto da specialisti delle indagini patrimoniali ovvero: avvocati, aziende e società cresciute nel settore del recupero credito e nell’attività di reperimento informazioni commerciali.

La Italy Recover SRL nasce nel 2013 e crea una divisione speciale, la Vision di cui stiamo parlando. Le indagini patrimoniali analizzano lo stato patrimoniale complessivo di persone e aziende, non analizza soltanto la parte attiva composta beni mobili e immobili, auto private o aziendali, entrate monetarie e finanziarie, analizza anche la parte passiva che colpisce questo attivo, debiti, pignoramenti, interessi paganti nell’insieme costituiscono il patrimonio passivo.

Cosa sono le indagini forensi?

Le indagini forensi sono uno dei servizi offerti dal Vision per conto dei clienti che le richiedono. Nella sezione indagini forensi di Vision leggiamo che “la scienza forense utilizza tecniche e metodologie scientificihe applicate alle tradizionali investigazioni di carattere giudiziario, in merito alla verifica di un realto o ad un comportamento sociale“.

Un indagine forense può essere richiesta contro aziende e private, gli avvocati e i professionisti che vi seguiranno avranno bisogno di questi elementi:

  • dati certi e informazioni valide, per delineare il quadro più preciso possibile del soggetto indagato
  • freschezza e affidabilità delle fonti che si possono ottenre da dati ufficiali ma anche ufficiose che saranno vagliate con attenzione da esperti legali e finanziari
  • il terzo elemento importante, è la capacità di valutare questi elementi finora citati con attenzione da parte dell’avvocato per iniziare e dirigere la giusta strategia legale.

Indagini forense, quali articoli tutelano l’avvocato nelle indagini?

La Legge 397/2000 ha introdotto nel codice di procedura penale, l’articolo 391-bis che sancisce la possibilità all’avvocato di formare un proprio fascicolo dove inserire gli elementi di prova in favore del cliente. I documenti interni a questo fascicolo potranno essere presentati direttamente al giudice e al P.M in fase di indagini.

Sempre nell’articolo 291-bis si tutelano le attività d’indagine dell’avvocato sottolineando la possibilità di “conferire con le persone in grado di riferire circostanze utili o acquisire notizie“, inoltre potrà richiedere documentazione disponibile presso Pubblica Amministrazione e altri archivi dati istituzionali e bancari.

Gli obblighi di avvocato e clienti per non incorrere in sanzioni

Se l’avvocato ha possibilità di investigare, le responsabilità non vengono da meno e la capacità di analizzare fonti e informazioni per non cadere in una querela per diffamazione o danno di immagini è importante. A tale proposito e nell’ambito delle indagini patrimoniali, bancarie e aziendali, gli esperti di Vision sottolineano l’importanza della “valutazione degli aspetti reputazionali del soggetto indagato, soprattutto per le verifiche antiriciclaggio e antifrode“. Cita quindi tre leggi importanti ricordando il pericolo di sanzioni onerose se non si rispettano:

  • Lgs. 231/2007, nuove disposizioni contro il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo
  • Lgs. 109/2007 gazzetta misure preventive finanziamento terrorismo
  • Lgs90 del 25 maggio 2017, direttiva UW prevenzione uso sistema finanziario per riciclaggio, terrorismo e crimine organizzato

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *