Forche gru per cantiere: strumenti di sicurezza nell’edilizia

Forche gru per cantiere: strumenti di sicurezza nell’edilizia

Nel settore edile, le forche gru per cantiere non sono semplici attrezzature di lavoro ma strumenti di sicurezza. Rappresentano uno strumento di lavoro per tutti coloro che gestiscono la sicurezza nei cantieri edili (dalle imprese ai coordinatori ed agli organi di vigilanza).

Quando si impiegano strumenti di sollevamento come le gru a torre, in genere i carichi non devono essere mai collegati direttamente al gancio di un apparecchio di sollevamento. Al contrario, è necessario usare sistemi accessori come brache, forche, reti e bilancieri.

Per il lavoro in cantiere che prevede il sollevamento in quota di materiali tramite forche per gru edili, in termini di sicurezza è fondamentale riferirsi all’idoneità della forca per gru ed alle caratteristiche del carico da sollevare.

La forca per il sollevamento come attrezzatura da lavoro è stata definita nel Titolo III del D. Lgs. 81/08.

Il D.P.R. 459/96 e, in seguito, il D.L. 17/10, regolamentano gli “accessori di sollevamento” definendone i relativi requisiti di sicurezza.

Per il materiale sfuso, si possono utilizzare contenitori (ceste, cassoni o simili) che non sono considerati accessori di sollevamento.

Le forche per gru più utilizzate a livello professionale nel campo edile sono a bilanciamento manuale (o molla), a bilanciamento manuale (o molla regolabile altezza), a compasso autolivellante ed a compasso autolivellante doppia regolazione.

Concentriamo il nostro focus sulle indicazioni per il sollevamento in quota di carichi unitari e non unitari con l’uso di forche per gru.

Sollevamento di carichi unitari con forche gru per cantiere

Per ‘carico unitario‘ s’intende materiale edile posto sul pallet completamente avvolto da un involucro termoretraibile o da apposite reggette.

Se si usano le reggette, queste devono essere disposte sul carico in modo tale da trattenere ogni elemento presente sulle superfici esterne con almeno una fascetta. In tutti i casi, devono essere posizionate sul carico almeno due fascette in senso orizzontale e due in senso verticale, adeguatamente distanziate tra loro per rendere compatto il sistema.

Possono essere impiegate altre forme di imballaggio idonee a garantire gli stessi requisiti di sicurezza mantenendo gli elementi del carico in un unico blocco.

Il sollevamento e trasporto ai piani di lavoro effettuato con apparecchi come la gru a torre può essere eseguito tramite forca di sollevamento se:

– la forca per gru edile è conforme ai criteri stabiliti dalla norma tecnica UNI EN 13155 (marcata “CE”). Deve disporre del ‘dispositivo di presa positivo‘ (cinghia, catena, barra) per evitare che il carico unitario scivoli;

– il pallet deve essere idoneo al sollevamento in quota. Viene definito ‘pallet riutilizzabile‘ (di solito, marcato con la lettera ‘H’). Nel caso in cui il fornitore utilizzi pallet monouso, il datore di lavoro dovrà porre sotto di esso un pallet idoneo al sollevamento in quota.

Sollevamento di carichi non unitari con forche per gru edili

In riferimento ai carichi non unitari, il sollevamento ai piani di lavoro effettuati con apparecchi come la gru a torre dovrà avvenire tramite una forca di sollevamento avente i medesimi requisiti di quella descritta in precedenza.

Deve disporre di un ‘dispositivo di presa positivo secondario‘ adeguato allo scopo di impedire il rilascio del carico completo o di una parte sfusa.

In genere, il dispositivo di presa positivo secondario è costituito da reti o gabbie che non presentino aperture laterali o sul fondo maggiori di 50 mm (rete o griglia con maglia pari o inferiore a 50 mm).

I sollevamenti al di fuori delle due condizioni appena descritte (carichi unitari e non unitari) sono possibili esclusivamente per il carico/scarico dai mezzi di trasporto a terra o considerando un’altezza massima di 1,5 mt.

Forche gru per cantiere: formazione e addestramento dei lavoratori addetti

Per le operazioni di sollevamento, è necessario informare, formare e addestrare i lavoratori addetti. L’addestramento deve essere effettuato da una persona esperta sul luogo di lavoro.

A tal scopo, gli argomenti di particolare interesse sono:

  • condizioni d’impiego delle attrezzature;

  • caratteristiche del carico da sollevare;

  • situazioni anormali prevedibili;

  • rischi a cui gli addetti sono esposti;

  • modalità d’uso in sicurezza.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *