Arredare casa con lo stile scandinavo

Arredare casa con lo stile scandinavo

Colori tenui, forme nette e pulite, mobili più funzionali che decorativi, questo è lo stile scandinavo, che offre molteplici vantaggi per chi intende utilizzarlo nella propria abitazione, o anche in ufficio. Nei negozi specializzati si possono trovare anche complementi d’arredo, come ad esempio sedie in stile scandinavo o tessuti di arredamento, che permettono di dare un tocco originale e piacevole a qualsiasi ambiente.

I segreti dello stile scandinavo
Lo stile scandinavo, o nordico tout court, nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale. Si è poi diffuso nel corso dei decenni e sopravvive ancora adesso. Si basa su alcuni elementi essenziali, il primo dei quali riguarda le forme dei mobili, delle sedie, dei complementi d’arredo. Come dicevamo, prima di considerare questi elementi come decorazioni di un ambiente, lo stile scandinavo ne predilige la funzionalità, inserendo alcuni elementi che oggi chiameremmo ergonomici. Oggi sono tantissimi i designer che si basano su questo concetto, in tutto il mondo; sono però stati gli scandinavi a insegnarcelo. Anche perché nel nord Europa le abitazioni hanno dimensioni contenute, per questo motivo non è conveniente appesantire gli ambienti con mobili di grandi dimensioni ed elementi decorativi, come invece si ama fare in altre zone del mondo.

Non solo forme, ma anche colori
Anche le tinte dello stile scandinavo sono dettate dall’ambiente nordico. Lunghe notti, che fanno rinunciare alla luce del sole, giornate brevi e cieli grigi: questi elementi costringono ad inserire nelle abitazioni colori brillanti e chiari, che consentano di far risaltare anche il minimo raggio di luce solare diretta. I colori preferiti da questo stile di arredo sono semplici, neutri, chiari. Parliamo dei toni di grigio, delle diverse sfumature del bianco, del marrone chiaro del legno di abete o del piumaggio delle tortore. Per rallegrare gli ambienti arredati con questi colori-non colori, è sufficiente inserire un elemento in una tinta sgargiante, magari un divano, una singola sedia o anche un soprammobile.

Scegliere i pezzi migliori
Mentre per quanto riguarda altri stili di arredamento anche un singolo elemento può essere più che sufficiente, quando si parla di stile scandinavo è importante considerare che un ambiente deve essere arredato seguendo questo stile in quasi tutti gli elementi che lo arredano, a partire spesso dal colore delle pareti o dalla scelta dei tessuti o delle tende. Meglio quindi inserire elementi scandinavi in ogni parte della stanza, evitando di mescolare più stili, perché si perderebbe completamente il senso dello stile nordico. Si tratta quindi di una scelta complessa, che tocca tutto l’arredo, le tinte alle pareti, i complementi d’arredo.

I materiali
Il materiale principe di questo stile è di certo il legno, in alcuni casi lasciato al naturale, con solo una passata di cera per proteggerlo dalla polvere e dall’usura. Il legno si può però anche tingere, colorare o coprire con un mordente colorato, senza però eccedere, i toni squillanti non fanno per lo stile scandinavo. Al legno si può poi accompagnare anche il metallo e, in alcuni casi, i materiali plastici o compositi, da utilizzare in minima parte.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *