Analisi dei costi e del risparmio con l’uso delle sigarette elettroniche

Analisi dei costi e del risparmio con l’uso delle sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche sono sul mercato da ormai qualche anno e stanno avendo una diffusione sempre più rapida. Sono tanti i benefici e i vantaggi che possono apportare, ma con questo strumento si riesce anche a risparmiare?
In seguito cercheremo di dare una risposta a questa domanda analizzando quali sono effettivamente i costi legati a questo tipo di prodotto, ma prima vediamo di cosa stiamo parlando e cos’è nello specifico una sigaretta elettronica.

Cos’è una sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica è stata creata in Cina ed è arrivata in commercio in Occidente nel 2006. Secondo alcuni dati, in Italia ci sono circa 400 mila persone che usufruiscono di questo dispositivo. Si tratta di uno strumento che, tramite l’inalazione di vapore aromatizzato, consente di immettere una quantità di nicotina. Il tabacco, tuttavia, non subisce una combustione, cosa che rende la sigaretta elettronica una garanzia di sicurezza per la propria salute.

In esse si può trovare anche una quantità di nicotina che varia dai 6 ai 24 mg, presente insieme all’acqua, al glicole propilenico, al gricerolo e alle sostanze aromatizzanti.
È possibile scegliere, oltre al tabacco, anche tra diversi sapori: fiori, spezie, frutti, dolci, alcolici, ecc.

Vantaggi che offre la sigaretta elettronica

Ci sono molti lati positivi nello scegliere di acquistare una sigaretta elettronica. Ad esempio, offrono la possibilità di:

  • non avere addosso l’odore fastidioso delle normali sigarette;
  • fumare anche laddove è presente il divieto;
  • non lasciare la sensazione di gola secca;
  • non comportare complicazioni se si vuole fumare con il raffreddore o con altre malattie;
  • non contenere né catrame né monossido di carbonio;
  • decidere quale kit e quale spesa adottare già dall’inizio.

Spese legate alla sigaretta elettronica

Innanzitutto, la prima spesa da considerare è quella legata al kit. Quest’ultimo è provvisto di atomizzatore, batteria, testina interscambiabile, un cleromizzatore e un cavetto USB. Il kit completo è dunque il primo investimento da fare.
Altre spese potrebbero essere rappresentate dall’usura dei vari componenti, come ad esempio la batteria. La durata media di quest’ultima è pari a 12 mesi (se si seguono le giuste modalità di ricarica) e il costo di una batteria nuova solitamente si aggira intorno ai 20€.
Si tratta comunque di spese poco frequenti e, nel caso di riparazione di atomizzatore o delle testine, le cifre sono ancora più basse.

Se, però, nel caso in cui l’utilizzo della sigaretta elettronica sia molto frequente, può essere utile acquistare una seconda batteria di scorta da utilizzare quando si scarica la prima.
Inoltre, sono vari i tipi di sigarette elettroniche: ce ne sono alcune molto simili a quelle tradizionali, la cui autonomia è limitata e per questo sono monouso. Altre, invece, hanno il cavetto USB per ricaricare la batteria e il filtro che si cambia quando si esaurisce. Sono questi, infatti, che permettono di mettere diversi gusti al loro interno. Ovviamente i costi variano anche in base a questi fattori e ai vari modelli che si scelgono. L’azienda GeekVape offre opzioni e modelli di sigaretta elettronica per tutti gli usi e i budget.

Per chi invece ha una vera passione per questi dispositivi e può arrivare a spendere anche grandi cifre, sono disponibili numerosi accessori che possono avere costi più alti.
Ad esempio, è possibile acquistare una big battery dalla tecnologia molto avanzata e un’ottima qualità. Funziona con una o più batterie di circa 13€ l’una, mentre il costo totale può arrivare anche a superare i 100€.

Si può risparmiare con la sigaretta elettronica?

Torniamo ora alla domanda che ci siamo posti all’inizio e cioè se conviene o meno, in termini economici, acquistare una e-cig.
Quando fecero la loro comparsa sul mercato, i prezzi delle sigarette elettroniche erano ancora molto alti. La cifra per un unico dispositivo si aggirava intorno ai 100€. Col passare del tempo e, soprattutto, in seguito al boom che ha avuto questo prodotto, si è assistito ad un forte calo del prezzo che oggi si attesta, per un kit completo, tra i 33 e gli 84€, in base al tipo di modello scelto.
Il prezzo dei flaconi, invece, si aggira intorno ai 6€ con una durata di circa sei giorni.

Ora, sulla base di questi numeri, è facile calcolare il risparmio derivante dall’acquisto di una sigaretta elettronica. In particolare, se si calcola che in media si consuma un pacchetto di sigarette normali al giorno, la spesa quotidiana arriva alla cifra di circa 5€, dunque la spesa mensile ammonta a circa 150€. Per la spesa dei flaconcini delle sigarette elettroniche, la cifra invece dovrebbe arrivare ad un massimo di 30€ al mese; di conseguenza, in questo caso, si arriverebbe ad un risparmio pari a circa 120€ al mese.

Tuttavia, nei casi di chi fuma meno le sigarette normali, è possibile che i risultati in termini economici si inizino a vedere solo dopo il primo mese, in quanto l’acquisto del kit completo e le altre spese potrebbero inizialmente non coprire il costo. Ma, col passare del tempo, anche in questi casi sarà possibile ottenere un grande risparmio, circa 300€, mentre per chi consuma un pacchetto al giorno, il risparmio si attesta intorno ai 1000€.

Ulteriori risparmi delle e-cig

È possibile anche preparare in casa il liquido per svapare, risparmiando ulteriormente soldi e, in più, con la possibilità di preparare i liquidi secondo le proprie preferenze e con la quantità di tabacco adatta alle proprie esigenze.
Bisognerà procurarsi una base di miscela di glicerina vegetale e glicone propilenico. È poi necessaria l’acqua depurata e la nicotina. Per ridurre la concentrazione di nicotina si può anche scegliere di diminuire nel tempo la percentuale della sostanza. Gli ingredienti, inoltre, sono tutti facili da reperire.

Dunque, per concludere, possiamo dire che acquistare una sigaretta elettronica significa effettivamente avere un notevole risparmio economico. Non a caso sono dispositivi che si stanno diffondendo sempre di più, andando a modificare gli stili di vita dei fumatori, permettendo di non rinunciare alla loro abitudine ma stando attenti comunque alla loro salute.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *