Prima comunione alle porte: tavolo dei confetti fai da te

Prima comunione alle porte: tavolo dei confetti fai da te

La prima comunione è un fondamentale momento di passaggio per un bambino o una bambina e bisogna festeggiarlo nel migliore dei modi a partire dalla confettata. Intorno al suo banchetto il bimbo avrà con sé i propri familiari e amici in una situazione diversa dalle altre festività, per certi aspetti ancora più rilevante.
Nel caso in cui si scelga di accogliere i propri ospiti in giardino, il fatto che le comunioni si celebrino nella bella stagione accentua ancora di più il desiderio di festeggiare.
La cura del dettaglio sarà molto apprezzata dagli invitati e sarà il segreto del successo della confettata: per arrivare a questo obiettivo non serve spendere molto, anzi, le soluzioni fai da te in questo caso sono le migliori. I vostri invitati si sorprenderanno quando racconterete loro che avete organizzato e realizzato ogni cosa da soli.

Quali confetti scegliere e come organizzarli

  • Bomboniere. Le bomboniere sono la prima distribuzione dei confetti che farete ai parenti e agli amici. Secondo la tradizione, in ognuna di esse si devono riporre cinque confetti, ognuno dei quali simboleggia rispettivamente la fertilità, la ricchezza, la salute, la prosperità e l’augurio di vivere a lungo. La norma vuole che i nonni e i padrini/le madrine ricevano una bomboniera differenziata.
  • Colore dei confetti. Solitamente in occasione della prima comunione prevale la scelta di confetti che simboleggino la purezza, quindi il colore bianco è quello per eccellenza quando si tratta di comunione e infatti va da sempre per la maggiore.
    È possibile però scegliere altri colori che siano coerenti con il tema generale che si è scelto per la festa: le tonalità pastello sono tra le più tradizionali oppure altre soluzioni cromatiche sono quelle che riprendono il tema della natura, con il ricorrere in particolare del colore verde, o quelle che richiamano l’autunno mediante l’arancio, il giallo e il marrone.
    Talvolta vengono usati i classici colori rosa e celeste, ma negli ultimi tempi capita che si scelga più frequentemente il giallo in quanto è un colore neutro: si colloca idealmente tra gli altri due tradizionali, è originale e comunica allegria.
  • Contenitori. Anche in questo caso non ci sono regole rigide da rispettare: l’unico fattore che non va assolutamente trascurato è la coerenza stilistica con il resto delle decorazioni e con le scelte cromatiche precedentemente fatte. I contenitori più classici sono quelli di vetro o di stoffa, altrimenti si possono usare dei bauli in legno; una decorazione ulteriore che può piacere molto ai bambini, oltre a essere graziosa di per sé, è un vaso con all’interno dei confetti di più colori.
    Qualsiasi sia la tipologia di contenitori, si consiglia di collocare una paletta, che è utile per motivi di igiene ma che soprattutto consente ai vostri invitati di prendere eventualmente un numero più significativo di confetti. Anche i coni porta-confetti, insieme ai piattini, possono facilitare i vari assaggi.
  • Gusti dei confetti. Ormai si possono trovare confetti per tutti i gusti, da quello allo yogurt a quello panna e cioccolato, oppure spesso si trovano alla frutta, frutti di bosco o pera, fragola, eccetera. Si consiglia di non farsi travolgere dalla varietà di gusti a disposizione: ci sarà sempre qualcuno che predilige i gusti classici di confetti alla mandorla e al cioccolato (acquistabili online da SimieleCakeDesign).
    Non dimenticate poi le persone che hanno delle intolleranze alimentari, fate due conti di quante possano essere e collocate i loro confetti in un contenitore separato.
  • Targhette e menu. Sono utili per permettere ai vostri ospiti di districarsi tra la vasta scelta che hanno davanti e per coloro che non possono mangiare determinati tipi di confetti. Se il numero di invitati è molto alto e allo stesso modo lo è quello dei confetti, potete anche valutare se scrivere un menu in cui descrivete i confetti dal punto di vista degli ingredienti, ma anche della provenienza nel caso in cui siano stati prodotti in un territorio ben preciso. Togliete qualsiasi freno alla fantasia anche sotto questo aspetto, potrete divertirvi a realizzare voi stessi sia le targhette che il menu.
  • Non solo confetti. Senza dubbio sarà molto apprezzato da grandi e piccini che mettiate sul tavolo anche qualche altro dolcetto in più, come le caramelle gommose o alla frutta, i cupcake, qualche torta fatta da voi da collocare su un vassoio rialzato. Anche l’effetto visivo sarà favoloso.

Come allestire il tavolo della confettata

  • Caratteristiche del tavolo. Il tavolo dovrebbe avere una serie di caratteristiche, prima tra tutte una dimensione non troppo grande, proporzionata al resto dell’arredamento e al numero degli invitati, così da evitare che la stanza sembri vuota. Si è parlato di equilibrio e di coerenza e questo vale anche per quanto riguarda le dimensioni della superficie intorno a cui si svolgerà gran parte della festa.
    È preferibile che il tavolo sia rotondo e che i colori siano pastello: il bianco, il rosa o il celeste, ma anche il giallo, l’arancione e il verde.
    Una regola valida in ogni contesto è che il tavolo non abbia dei lati ai quali sia impossibile accedere, cosa che avverrebbe se lo collocaste accanto a un muro: ogni invitato deve poter prendere i confetti senza problemi. Se si ha molto spazio a disposizione e si vuole evitare a priori qualsiasi forma di affollamento, si può anche pensare di posizionare più tavoli.
    A meno che la festa non si tenga all’aperto, bisogna ricordare che delle decorazioni a tema sulle pareti conferiscono un’impressione migliore a chi entra nella stanza e si dirige verso il tavolo.
  • La tovaglia. Si raccomanda di non sceglierla di un colore eccessivamente acceso, sarebbe opportuno fosse abbinata con le tonalità presenti nella stanza o con quelle della torta: il colore bianco sarebbe l’ideale perché così non avreste problemi nel coordinarlo.
  • Decorazioni. Il bianco è simbolo di purezza ed è associato alla prima comunione, infatti anche i fiori sono di questo colore quando si tratta di decorare il tavolo: simbolo di questo sacramento sono i gigli, che vengono usati anche per la creazione delle bomboniere. Pure le candele colorate e i tulle possono essere adoperati come decorazioni, oppure oggetti più personalizzati come dei cartoncini di auguri. Ciò che il bambino preferirà in assoluto – e che è anche piacevole da vedere – sono poi i regali che verranno aperti man mano che si va avanti con la festa.

Il fai da te per la vostra confettata della prima comunione si rivelerà una scelta vincente. Senza spendere troppo, vi divertirete voi per primi nell’organizzare la festa, farete divertire vostro figlio e i familiari/amici e potrete essere certi di aver regalato loro un momento da ricordare.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *