Accompagnatori e accompagnatrici: chi sono, cosa fanno, quando rivolgervisi

Accompagnatori e accompagnatrici: chi sono, cosa fanno, quando rivolgervisi

Non è ormai difficile imbattersi in Rete in annunci e siti per la ricerca di accompagnatori e accompagnatrici. Considerato che l’argomento è di quelli che possono generare dubbi e perplessità, specie in chi non lo conosca fino in fondo, quelle che seguono sono un po’ di informazioni essenziali per orientarsi meglio nel mondo degli accompagnatori e delle accompagnatrici a ore e su cosa aspettarsi quando si risponde ad annunci o si utilizzano servizi come quelli citati in apertura.

Cosa sapere sul mondo delle accompagnatrici, prima di rivolgersi a un servizio ad hoc

Chi è e che cosa fa un’escort? è la prima domanda a cui provare a rispondere, anche considerato che è da qui che nascono la maggior parte di equivoci e qui pro quo da parte dei clienti (e non solo). Il termine può far pensare subito a una lavoratrice del sesso ma un’escort – o, meglio, un escort: non è questa, infatti, una professione esclusivamente femminile – non necessariamente offre servizi sessuali a pagamento. È piuttosto una persona che si fa pagare per trascorrere del tempo con i propri clienti, a prescindere da come quello stesso tempo venga impiegato: eventuali rapporti sessuali sono un plus rispetto al servizio offerto, tanto che a seconda delle politiche di ciascun professionista potrebbero dover essere concordati prima o contrattati a parte. Accompagnatrici e accompagnatori, insomma, offrono la propria compagnia a chi vi si rivolge e sono in genere qualificati per farlo in una serie di occasioni e situazioni diverse.

Con ogni probabilità, del resto, il secondo dubbio che vale la pena chiarire è proprio quando e perché rivolgersi a un servizio di escort?. La buona notizia è che la casistica prevista in listini e cataloghi di accompagnatori e accompagnatrici è piuttosto ampia e quasi mai si riduce a qualche ora da trascorrere in privato con i propri clienti. Accompagnatori e accompagnatrici, diversamente da quanto si potrebbe pensare, lavorano soprattutto in pubblico: l’occasione più tipica in cui ci si rivolge a questo tipo di professionisti è, non a caso, una cena o un evento mondano a cui si è stati invitati e, sapendo che gli altri ospiti saranno in coppia, non ci si vuole presentare da soli. Non di rado accompagnatori e accompagnatrici sono chiamati direttamente da chi organizza la cena o l’evento esclusivo e vuole omaggiare di una gradevole compagnia i propri ospiti di riguardo. Per la stessa ragione le aziende – è pratica molto comune soprattutto all’estero – possono offrire un accompagnatore o un’accompagnatrice a chi si rechi in viaggio di lavoro presso la propria sede, specie se ancora una volta viaggia da solo o è la prima volta che visiti il posto in questione. In alcuni ambienti business è prassi frequentare anche cene e meeting di lavoro in compagnia di un accompagnatore che conosca il settore e possa intrattenersi, senza annoiarsi e fornendo anzi spunti interessanti, in conversazioni informali ma su argomenti chiave per l’azienda. Altre occasioni perfette per cercare la compagnia di un accompagnatore o un’accompagnatrice sono, però, spettacoli e prime teatrali quando c’è tutto da guadagnare dal mostrarsi con al fianco una compagnia gradevole.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *