Lautaro, si sente di casa al Mapei. Dal debutto a nuovo simbolo

Lautaro, si sente di casa al Mapei. Dal debutto a nuovo simbolo

Esordio in A per il Toro a Reggio Emilia con il gol di Lukaku ma ora può mostrare che è diventato un uomo indispensabile. Giocatori, squadre entrambi nell’occhio vigile dei scommettitori online. Il sito 22Bet Scommesse recensioni potete trovare il sito giusto per le vostre esigenze.

Tappa speciale Reggio Emilia, prima in serie A e con l’Inter prima maglia da titolare. Nella testa di Lautaro Marinez stanno passando tanti pensieri e tante emozioni nel tornare al Mapei Stadium per la quarta volta nella sua carriera. Arriva tre anni dopo la prima che è stata carica di emozioni ma anche di sfortuna.

Nella prima per lui e Icardi fu una serata stonata, il Sassuolo chiuse i due argentini e si portò a casa la vittoria con un rigore di Berardi. Il tempo è trascorso ed oggi Lautaro affronta la situazione da leader e da uomo immagine per Inzaghi e la sua Inter che in campo sfoggia sul petto lo scudetto appena vinto.

Il Mapei una svolta per entrambe le squadre

Per il Torino e per l’Inter le cose non sono cambiate ed il passaggio al Mapei rappresenta ancora oggi una svolta. Grande giornata di LuLa piena nel 2019. Sia Lukaku che Lautaro andarono a segno con doppietta e un finale pirotecnico di 3-4.

Sfida importantissima per Conte nello scorso anno che in casa del Sassuolo ritrovò l’equilibrio mettendo in campo il 3-5-2 con playmaker Brozovic che è riuscito a proteggere la difesa e a illuminare il gioco in campo.

Inzaghi, oggi, spera di poter trovare al Mapei la ripartenza della squadra dopo aver ottenuto solo due pareggi consecutivi uno in campionato ed uno in Champions che per il gruppo interista hanno minato le certezze. In campo ci sarà bisogna sia di maturità che di un nuovo Lautaro che ha ottenuto in cinque presenze in campionato ben 4 reti.

Inzaghi e il Toro al top

Inzaghi si è innamorato del Toro e della sua unicità con pochi allenamenti. “Titolare fisso qui, come avversario mi piaceva ma nel momento in cui l’ho allenato sono riuscito a capire la sua forza”. Dopo il pareggio in casa della Samp c’è stata la confessione di Inzaghi.

Partenza da titolare per Lautaro anche se era rientrato solo venerdì sera dall’Argentina e l’incontro c’era la domenica. Simone per questo spostò l’allenamento per la rifinitura al pomeriggio così il suo idolo si poteva riposare e si poteva stabilire inoltre le condizioni fisiche.

Questo ci fa capire cosa sia per l’Inter diventato Lautaro e quanto il Toro sia importante per il suo allenatore. Per la tranquillità di Lautaro la società ha trovato un’intesa di rinnovo contrattuale che lo condurrà ad un contratto da top player. Tutto sistemato da parecchi giorni ora manca solo l’ufficialità.

Ansia per la Seleccion e il rientro

C’è ansia nell’aria per Inzaghi e il club per il Toro ed il suo prossimo futuro. Il club ha risposto alla convocazione per la qualificazione al mondiale prossimo dall’Argentina. Pochissime sono le ore tra il loro rientro e il match contro la Lazio. C’è un forte movimento della Lega Serie A e della Liga spagnola per permettere il rientro in Europa degli argentini il 15 a sera con un charter.

Sbarco a Roma per il Toro e il Tucu ed il giorno successivo l’Inter all’Olimpico scenderà in campo alle 18. Il problema non è stupido perché il Toro si troverà ad affrontare nella Seleccion tre incontri contro il Paraguay, Uruguay e Perù. Ci potrebbe essere anche il rientro anticipato di Lautaro se in seconda gara prende un cartellino giallo.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *