Elezioni 2013, Berlusconi: “per sondaggi Ghisleri siamo a 2.6 punti dal Pd”
6 febbraio 2013 - 9:44
segui su facebook

ROMA – “I sondaggi di Nando Pagnoncelli (della trasmissione Ballarò su Rai3) sono sempre restrittivi nei confronti del Pdl, noi ci affidiamo alle rilevazioni di Euromedia Research, di Alessandra Ghisleri, la quale individua uno scarto di 2.6 punti percentuali tra noi e Bersani”, afferma Silvio Berlusconi, ospite a Radio24.

Il sondaggio Ghisleri ha analizzato l’effetto dello scandalo Monte dei Paschi sulle intenzioni di voto. Il risultato è che la vicenda avrebbe spostato un 5% di consensi, togliendo voti al Pd e alla Lista Monti.

Lasciando invariata la situazione del Pdl e aumentando le preferenze degli elettori per il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Dal punto di vista numerico il centrosinistra avrebbe perso 1,8 punti, Monti 1 punto percentuale nei consensi. Secondo Alessandra Ghisleri, sondaggista “di fiducia” di Berlusconi, questo indicherebbe che il presidente uscente del governo tecnico viene percepito dagli italiani come premier “vicino” al sistema bancario.

Il 47.3% degli italiani, sempre secondo Ghisleri, pensa che l’Imu introdotta da Monti sia servita a finanziare le banche, quella senese coinvolta nello scandalo, in particolare. Il 41% ritiene che nella vicenda Monte dei Paschi sia coinvolto il Pd. Ben il 20,2% è convinto che quanto accaduto sia una responsabilità di tutti i partiti insieme. Ma meno del Pdl e della Lega Nord.