‘Ndrangheta, arrestato boss Roberto Matalone: era la mare
12 agosto 2012 - 9:45
segui su facebook

REGGIO CALABRIA – I carabinieri del Ros di Reggio Calabria hanno arrestato giovedì pomeriggio in una nota località balneare della zona di Vibo Valentia, il boss della ‘ndrangheta Roberto Matalone.

Nome noto nella cerchia della criminalità organizzata di Rosarno, Matalone, 35 anni è stato individuato mentre prendeva il sole, secondo i quotidiani locali, comodamente seduto su uno sdraio, al mare. Non si nascondeva il boss, che aveva sposato la sorella di Ciccio Pesce, Maria Grazia, figlia del capo clan Antonino, detto “U testuni”.

Matalone è stato sorpreso dopo numerosi appostamenti degli agenti sulla spiaggia di Ioppolo, a pochi chilometri da Capo Vaticano, una delle località balneari più gettonate della zona.

Pensava che i carabinieri non lo avrebbero mai riconosciuto, in posto tanto affollato e pubblico. Ne era sicuro al punto che aveva continuato a tornare nella spiaggia con una certa frequenza. E’ così che lo hanno individuato gli uomini del Ros, dopo numerosi appostamenti.

E quando giovedì Matalone è arrivato con l’ombrellone e lo sdraio per godersi il pomeriggio al mare, hanno atteso che il boss si sistemasse, prima di coglierlo alle spalle.

Tra le sue mani, Roberto Matalone aveva un libro di Andrea Galli, “Cacciatori di mafiosi”, dedicato tra l’altro al racconto delle fasi della cattura di Francesco Pesce, suo cognato.