Attentato Brindisi, “timer puntato alle 7.55″, 10 minuti dopo lo scoppio
19 maggio 2012 - 14:51
segui su facebook

BRINDISI / Sarebbe stato un timer ad azionare le bombole gpl esplose davanti all’ingresso dell’istituto Falcone di Brindisi. Secondo alcune indiscrezioni riportate dalla stampa locale, il timer sarebbe stato puntato sulle 7.55, dunque 10 minuti dopo lo scoppio: TUTTE LE IMMAGINI

Una circostanza inquietante. Se l’ordigno fosse effettivamente esploso alle 7.55, le conseguenze sarebbero state ancora peggiori, visto che i giovani stavano arrivando proprio in quei minuti. Da accertare per quale ragione l’ordigno sia esploso prima.

In precedenza si era parlato anche di un telecomando, notizia poi esclusa. Dunque di un comando a distanza, forse in corrispondenza all’arrivo del pullman. I frammenti ritrovati però sarebbero di un timer, non di un telecomando.

Chi ha colpito, se questa notizia fosse confermata, era dunque intenzionato a fare una strage. “Volevano una strage” ha detto il capo della polizia Manganelli. Al lavoro ancora gli uomini della polizia scientifica. A breve comincerà in Prefettura una riunione del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico al quale è prevista la partecipazione del procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, che sta raggiungendo Brindisi.

Sei sul posto? Condividi le tue immagini: invia video - invia foto - app per iOs e Android