Alluvione Maremma, altri morti in provincia Grosseto
26 gennaio 2013 - 19:12
segui su facebook

GROSSETO – Permangono critiche le condizioni meteo in Toscana, la regione colpita dall’alluvione domenica scorsa, è in ginocchio. L’Esercito è giunto in Maremma per sostenere le operazioni di soccorso, l’Aeronautica militare presta il suo contributo, specie nelle zone maggiormente a rischio di esondazione, come quelle in provincia di Grosseto (sopra: immagini Follonica, provincia di Grosseto, 12 novembre alle 17 di “elevale”).


Video fiume sopra il ponte a Scansano (Grosseto), dell’utente “pacoreporter”

Un uomo di 73 anni ha perso la vita, travolto dalla piena di un torrente a Capalbio. Un’anziana si trova in gravi condizioni, raggiunta da un’onda d’acqua mentre si trovava in macchina. All’appello mancano almeno 3 persone, non sia hanno più notizie di loro da domenica. Si trovavano nella zona di Albinia, ora sommersa dall’acqua.


Immagini allagamenti Albinia, 12 novembre di “normo19″

Tre persone hanno, dipendenti dell’Enel, invece perso al vita a seguito del crollo del ponte sull’Albegna, a Marsiliana, nel comune di Manciano, nella tarda serata di ieri.

20.50 – L’Anas informa che è stato riaperto in direzione sud un tratto della strada statale 1 «Aurelia», precedentemente chiuso a causa degli allagamenti dovuti all’alluvione. In particolare, la statale è di nuovo percorribile in direzione Roma tra lo svincolo di Grosseto Centro (km 185,600) e San Donato, con uscita obbligatoria al km 163,500 e possibilità di proseguire sulla viabilità provinciale con rientro sulla SS1 a Capalbio Scalo (km 128,300). In direzione nord permane la chiusura da Orbetello Scalo (km 146,000) a Grosseto Centro (km 185,600).

16.52 - Sono precipitati in una voragine di 10 metri sul ponte San Donato sul fiume Albegna i 3 impiegati dell’Enel morti nella notte in provincia di Grosseto. È quanto hanno ricostruito i carabinieri e i vigili del fuoco, che stanno svolgendo accertamenti sull’accaduto.

16.40 – Maltempo, chiusa Autosole, si formano code, disagi al traffico. Specie su alcuni tratti della E45 e del raccordo Terni-Orte. GUARDA GALLERIA FOTO EDIFICI SOMMERSI A ORTE PER PIENA TEVERE, 13 novembre, dall’utente “ ylenia

In particolare sulla E45 nella zona di Fratta Todina, è stato istituito uno scambio di carreggiata per un cantiere e la polizia stradale riferisce si sono formati 6 chilometri di coda verso sud e 5 verso nord. Sul raccordo Terni-Orte traffico incolonnato a partire dallo svincolo di Capitone, nel comune di Narni, per i veicoli diretti a sud.

16.35 - Sono circa 700 le persone che hanno abbandonato le loro case a Grosseto, a causa dell’alluvione che ha colpito e messo in ginocchio la Toscana. La protezione civile ha emesso un nuovo avviso di allerta meteo sulla regione, valido fino alle 8 di mercoledì.

15.40 - Nuova allerta meteo di livello 2 in Toscana fino a domattina alle 8. Lo stato di attenzione riguarda le province di Arezzo, Firenze, Grosseto e Siena. L’allerta è stata emessa dalla protezione civile toscana, con validità fino alle 8 di mercoledì 14 novembre. La criticità resta alta per la zona del Bruna, in provincia di Grosseto, dove a causa dell’alluvione recente si teme per la tenuta di alcuni argini.

15.00 – Alcuni treni sono stati cancellati a causa del maltempo, sulla linea Tirrenica Roma – Pisa. I treni regionali hanno come capolinea le stazioni di Civitavecchia e Orbetello a sud e Grosseto a nord. In particolare: Roma Termini 13.12 – Orbetello 15.08, Orbetello 16.43 – Roma Termini 18.43, Roma Termini 16.12 – Orbetello 17.58, Orbetello 17.54 – Roma Termini 19.45. Inoltre, per la giornata di martedì sono cancellati i seguenti treni regionali: Pisa 13.45 – Roma Termini 17.45, Roma Termini 14.17 – Grosseto 16.26, Grosseto 20.32 – Pisa 22.20, Pisa 19.56 – Roma Termini 23.58. I treni a lunga percorrenza della Tirrenica sono deviati via Firenze-Pisa utilizzando la linea di dorsale Roma-Firenze.


Video allagamenti ad Albinia, 13 novembre di “balt”

13.13 - La provincia di Arezzo ha inviato alla regione Toscana la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità per gli eventi che si sono verificati a seguito delle piogge cadute anche sul territorio aretino. Intense precipitazioni hanno interessato soprattutto la Valdichiana e la Valtiberina, raggiungendo i 150 mm di pioggia in poche ore.

12.45 - I 3 morti recuperati questa mattina nei pressi del ponte crollato sul fiume Albegna sono le persone che da ieri sera venivano cercate dai soccorritori. Secondo quanto si apprende dalla protezione civile di Grosseto, al momento, non risultano altri dispersi.

12.35 -  È in fase discendente la portata del fiume Ombrone, dei suoi affluenti e di tutti i torrenti del grossetano, che restano sotto controllo costantemente. Sono le utlime informazioni diffuse dalla protezione civile della provincia di Grosseto. Confermata la chiusura di numerose strade provinciali e della statale Aurelia, all’altezza di Albinia, nel comune di Orbetello. Difficile, ancora, raggiungere alcune case della campagna che restano isolate o per allagamenti o per piccole frane.


Immagini fiume Ombrone visto dal ponte a Istia, 13 novembre dall’utente YouReporter “tenero1″

12.00 - C’è anche una donna tra le 3 persone morte nel crollo del ponte alla Marsiliana. I 3 operai, secondo i primi rilievi erano dipendenti Enel che sembra sul punto di rientrare a casa dal lavoro.

11.27 - L’auto con i 3 tecnici dell’Enel, morti la notte scorsa in Maremma a causa del maltempo, è precipitata per il crollo del ponte San Donato sul fiume Albegna. I carabinieri di Grosseto stanno ricostruendo l’accaduto. La vettura dell’Enel è precipitata nel vuoto, rimanendo travolta e incastrata dal fango accumulato dalla piena nelle ore successive. E’ accaduto nel territorio di Manciano, in provincia di Grosseto.

10.45 – Altre 3 persone sono morte, a causa del maltempo in provincia di Grosseto. Si trovavano a bordo di un’auto coinvolta nel crollo avvenuto nella notte del ponte sul fiume Albegna, nella zona di Marsiliana. I soccorritori avrebbero già individuato i corpi. I morti nel grossetano salgono così a 4.